lunedì 15 dicembre 2014

COLICA: CHE FARE? Colic: What to do?




   
La colica è una sindrome dolorosa acuta determinata dalla contrazione spastica della muscolatura liscia di organi addominali.
Si può infatti parlare di colica intestinale, renale, epatica e biliare. In ogni caso è caratterizzata da dolori acuti in forma di accessi che, da una specifica localizzazione, si propagano in altre parti del corpo. 
Le cause del disturbo sono diverse a seconda dell'organo interessato. 

La colica intestinale può essere provocata da occlusioni intestinali, appendice infiammata, colite, mentre la colica renale è legata a calcoli nelle vie urinarie o infiammazioni. 
Spesso gli spasmi acuti sono accompagnati da sudorazione, nausea e vomito. In ogni caso è opportuno consultare il medico e, se i dolori sono molto forti e ricorrenti, è necessario ricorrere ai metodi della medicina tradizionale.

I rimedi della medicina naturale costituiscono tuttavia un valido supporto.






   
COLICHE

Che fare? Le coliche come conseguenza di calcoli ai reni o alla cistifellea sono causate, quasi sempre, da un alimentazione insana. Per prevenire questo tipo di disturbi è quindi assolutamente necessario seguire una dieta equilibrata. 
Se invece soffrite di piccoli calcoli potete aumentare il flusso biliare e la minzione bevendo apposite tisane officinali. Inoltre molti trattamenti della medicina naturale sono in grado cli diminuire i dolori legati a questi disturbi.


Sana alimentazione

Evitate di mangiare cibi grassi e di bere alcol; favoriscono infatti la formazione di calcoli alla cistifellea e possono scatenare forti coliche se sono già presenti altri calcoli. Questi sono concrezioni dall'aspetto di piccoli sassolini che si formano se l'alimentazione è troppo ricca di proteine. Prediligete quindi cibi integrali ed evitate i grassi per prevenire la comparsa di calcoli.


Esercizi di rilassamento

Le contrazioni dolorose possono essere accentuate da stress, forti tensioni psicologiche e depressione. In questi casi la cosa migliore è cercare di rilassarsi con il training autogeno il rilassamento muscolare secondo Jacobson, ma possono essere d'aiuto anche un bagno caldo, della musica dolce e la luce arancione. Massaggi rotatori sulla pancia, infine, alleviano le contrazioni.


CONSIGLIO UTILE

In attesa del medico, coliche biliari molto forti possono essere attenuate da applicazioni con il calore.Un impacco con il purè caldo di patate, posizionato sulla parte destra dell'addome superiore, rilascia calore a poco a poco. 
In alternativa fate dei semicupi a temperatura crescente.


TISANE MEDICINALI

   

FUMARIA contro le coliche biliari (Vedi scheda) - La fumaria regola la secrezione biliare e allevia coliche dovute a disturbi biliari cronici o acuti. La tisana preparata con questa pianta è efficace anche contro crampi dell'apparato gastrointestinale.
Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaino di fumaria, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate. Bevetene 1 tazza 2-3 volte al giorno.

GENZIANA contro le coliche intestinali (Vedi scheda) -  La genziana gialla, grazie alle sostanze amare in essa contenute, è antispastica.
Versate 1/4 di litro d'acqua bollente su 1 cucchiaino di radice tritata, lasciate riposare 5 minuti, poi filtrate,
Bevetene 1 tazza prima dei pasti.

Cura con la CELIDONIA (Vedi scheda) -  I principi attivi della celidonia leniscono i crampi biliari e intestinali e stimolano la secrezione biliare.
Versate 1/4 di litro  d'acqua bollente su 2 cucchiaini di celidonia, lasciate riposare 10 minuti, poi filtrate. 
Bevete 1 tazza di tisana 2-3 volte al giorno per 3-4 settimane.


RIMEDI OMEOPATICI

Belladonna D4 in caso di dolori e crampi improvvisi nella zona del fegato e se il dolore aumenta con il tatto. 
Assumetene 5 gocce ogni ora.

Chelidonium D3 in caso di crampi nella zona del fegato e se il dolore dilaga.
Mettetene 5 gocce sulla lingua ogni 5-10 minuti.

Colocynthis D4 in caso di forti coliche renali e se il sudore ha odore simile a urina.
Assumetene inizialmente 5 gocce ogni ora, poi 3 volte al giorno.

Toraxacum D2 in caso di malessere e sensazione di pienezza dopo mangiato.
Mettete 20 gocce direttamente sulla pelle e fate un impacco umido sull'addome.


TERAPIE NEURALI

In caso di forti coliche biliari e renali, sono efficaci iniezioni di anestetici nelle zone dolenti praticate sotto stretto controllo medico.


TARASSACO (VEDI SCHEDA)


   
Il tarassaco (dente di leone) è d'aiuto in caso di calcoli ai reni e alla cistifellea.
Lo medicina popolare utilizza da tempo questa pianta proprio per questo tipo di disturbi e in ogni genere di insufficienza epatica. Infatti la taraxina, il principio attivo contenuto nel lattice della pianta, aiuta il corpo o espellere i calcoli, depura il sangue e favorisce l'eliminazione delle tossine.


VEDI ANCHE . . .

CALCOLI RENALI


Nessun commento: